From Our Blog

Napoli, al teatro Troisi «Vasame»: il nuovo spettacolo di Enzo Gragnaniello e Marisa Laurito

Napoli, al teatro Troisi «Vasame»: il nuovo spettacolo di Enzo Gragnaniello e Marisa Laurito

Dal 12 al 14 gennaio in scena l’amore raccontato tra musica, pittura, poesia e comicità

Il Mattino

11 Gennaio 2024

Nuovo appuntamento al Teatro Troisi: la stagione artistica continua, da venerdì 12 a domenica 14 gennaio, con Enzo Gragnaniello e Marisa Laurito, protagonisti dello spettacolo «Vasame». In scena nello spazio gestito e diretto da Pino Oliva, reduce dal successo dello spettacolo di Capodanno in piazza del Plebiscito.

Il lavoro prende spunto dal titolo di una bellissima canzone di Enzo Gragnaniello mentre per sottotitolo sceglie la frase «l’amore è rivoluzionario». «Parlare oggi d’amore- si legge nelle note dello spettacolo- sembra essere diventato rivoluzionario! In un mondo in cui spesso siamo avvolti da violenze, guerre, egoismi, è necessario riportare il timone sulla barra delle parole: amore universale, scintilla di vita, bene, passione».

Partendo da questa importante tematica che Gragnaniello e Laurito, insieme in palcoscenico, declinano questo sentimento in musica e parole, versi, pittura, poesia, ma anche ironia e divertimento, caratteristiche congenite per due napoletani doc, totalmente distaccati dai luoghi comuni.


Leggi anche

Marisa Laurito canta Napoli a bordo della nave da crociera


In «Vasame», Marisa Laurito, mentre dipinge un quadro che poi sarà donato ad uno degli spettatori, intrattiene la platea con racconti di vita scritti da grandi autori, storie d’amore, poesie, monologhi divertenti e canzoni.

Accanto a lei, Enzo Gragnaniello, accompagnandosi con la sua chitarra acustica, non impiega molto ad incantare con la sua musica e le sue canzoni.

Enzo e Marisa, un connubio perfetto di note, parole e arte che rimbalzano dall’uno all’altra, con naturalezza e divertimento. Con la regia di Massimo Venturiello, lo spettacolo si avvale anche del contributo dei musicisti Piero Gallo alla mandolina, Erasmo Petringa al violoncello e Marco Caligiuri alle percussioni.